STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE

             RICONOSCIMENTO DELLA SANTA SEDE:
 
- Con Decreto del Pontificium Consilium pro-Laicis del 15.8.1992, n.1178/ 92/S-61/A- 65a.

(testo abbreviato in: italiano, francese, tedesco, inglese, spagnolo, ungherese, portoghese)

Associazione:
  - Statuto (sintesi). L’Associazione si propone: 1.- d’invitare tutti i cristiani ad un maggiore approfondimento della loro vita spirituale e alla crescita nell’amore di Cristo, della Chiesa e del Papa, secondo l’esempio e gli insegnamenti di S.Caterina da Siena; 2.- di approfondire per realizzarlo il concetto di “mistica dell’apostolato” (G.P.II); 3.- di contribuire alla ricostruzione dell’unitŕ spirituale dell’Europa per riportarla alle sue radici cristiane: promuovere una maggiore solidarietŕ fra gli uomini per la giustizia e la pace in tutto il mondo; 4.- di valorizzare la dignitŕ e la responsabilitŕ della donna cristiana nella Chiesa e nella societŕ civile.
-Per divenire Caterinati occorre inviare una “domanda” (come da fac-simile in: Iscrizioni) alla “Segreteria dell’Associazione” (tel. 0577. 247393). Possono aderire: anche famiglie, comunitŕ religiose, parrocchie, istituti di educazione o assistenza, gruppi, movimenti, associazioni, confraternite locali, non cattolici e non cristiani purché lo dichiarino nella domanda d’iscrizione.

Association:
-Reconnue du Sainte-Sičge: Décret du Pontificium Consilium pro Laicis: 15.8.1992 n.1178/92/S-61/A-65a.
  - Statut (extrait). L’Association se propose: 1.- d’inviter tous les chrétiens ŕ un plus grand approfondissement de leur vie spirituelle et ŕ la croissance dans l’amour du Christ, de l’Eglise et du Pape, suivant l’exemple et les enseignements de S. Catherine de Sienne; 2.- d’approfondir pour le réaliser le concept de “mystique de l’apostolat” (J-P.II); 3.- de contribuer ŕ la reconstruction de l’union spirituelle de l’Europe pour la reporter ŕ ses racines chrétiennes: promouvoir une plus grande solidarité entre les hommes et pour la justice et la paix dans le monde entier; 4.- de mettre en valeur la dignité et la responsabilité de la femme chrétienne dans l’ Čglise et dans la société civile.
-Pour devenir Caterinati: il est nécessaire d’adresser une “demande” (comme de fac-similé en Iscrizioni:) au “Secrétariat de l’Association” (tél.0039.0577-247393). Peuvent adhérer: aussi les familles, les comunautés religieuses, les paroisses, les institutions d’éducation ou de charité, les groupes, les mouvements, les associations, les confréries locales, les non catholiques et les non chrétiens ŕ condition qu’on le déclare dans la demande d’inscription.

-Verein:
-Die Anererkennung durch den Heiligen Stuhl: Verordnung von Pontificium Consilium pro Laicis del 15.8.1992, n° 1178/ 92/S –61/ A–65a.
  -Das Statut (Synthese). Die Vereinigung, dem ermuntert: 1.- Beispiel und der Lehre Katharinas folgend, alle Christen zu den folgende Punkte; 2.- Vertiefung des geistlichen Lebens und Wachstum in der Liebe zu Christus, zur Kirche und zum Papst; 3.- Verwirklichung der “Mystik des Apostolates” (J.P.II); 4.- Wiederaufbau der geistigen Einheit Europas, um es wieder zu seinen christlichen Wurzeln zu führen, und dadurch eine größere Solidarität zwischen den Menchen im Blick auf die Gerechtigkeit und den Frieden in der ganzen Welt zu ermöglichen; 4.- die Würde und die Verantwortung der christilichen Frau in der Kirche und in der Gesellschaft zu fördern.
- Um “Caterinati” zu werden, braucht man nur das “Beitrittsansuchen (sehen: Iscrizioni)” an die “Segreteria dell’Associazione” (tel.0039. 0577-247393) zu senden. Es können auch Familien, Ordensgemeinschaften, Pfarreien, Erziehungsinstitute, Soziale Vereinigungen, Gruppen, Bewegungen, Vereinigungen, Bruderschaften, nicht katholische oder nicht christlicher Weltanschauung, was im Aufnahmeansuchen angegeben werden muß, beitreten.

Association
:
-Recognition by the Holy See: Decree of Pontificium Consilium pro Laicis of 15.8.1992, n°1178/92/S–61/A–65a.
  -Statute (summary). The Association proposes: 1.- to invite all Christians to a greater deepening of their spiritual life and growth in the love of Christ, of the Church and of the Pope, in accordance with the example and teachings of St.Catherine of Siena; 2- to deepen and to realize the concept of “the mystical apostolate” (J.P.II); 3.- to contribute to the rebuilding of the spiritual unity of Europe in order to bring Europe back to its christian roots: to promote a greater solidarity between all peoples for justice and peace in all the world; 4.- to enhance the dignity and responsability of christian women in the Church and in civil society.
-For becoming Caterinati, one must send a “request” (as shown above; see Iscrizione) to the Secretary of the Association (tel.0039. 0577- 247393). The Association is also open to: families, religious communities, parish churches, institutes of education or social assistance, groups, movements, associations, local confraternities, and non Catholics and non Christians on the condition that they will so declare on the request form.

Asociación:
-Reconocimiento de la Santa Sede: Decreto del Pontificium Consilium pro Laicis del 15.8.1992, n°1178/92/S–61/A–65a.
  -Estatuto (síntesis). La Asociación se propone: 1.- de invitar todos los cristianos a una mayor profundización de su propia vida espiritual y al crescimiento en el amor de Cristo, de la Iglesia y del Papa, según el ejemplo y las enseńanzas de Sta.Catalina de Siena; 2.- de profundizar para realizar el concepto de “mística del apostolado” (J.P.II); 3.- de contribuir a la recostrucción de la unidad espiritual de Europa para reportarla a sus raíces cristianas: promover una mayor solidariedad entre los hombres para la justicia y la paz en todo el mundo; 4.- de valorizar la dignidad y la responsabilidad de la mujer cristiana en la Iglesia y en la sociedad civil.
-Para devenir Caterinati es necesario enviar una “demanda” (coma del fac-simil: Iscrizione) a la “Secretaría de la Asociación” (tel.0039.0577- 247393). Pueden adherir: tambien familias, comunidades religiosas, parroquias, institutos de educación o asistencia, grupos, movimientos, asociaciones, confraternidades locales, no catolicos y no cristianos con la condición de declararlo en la demanda de inscripción.

Társulat:
-Elismerés a Világiak Pápai Tanácsának részérol az 1992. aug. 15-i, 1178/92/S-61/A-65a számú határozattal.
  -Alapszabálya (összefoglalás). A társulat célja: 1.- hogy minden keresztényt lelki életének elmélyítésére és Krisztus, az Egyház valamint a pápa iránti szeretetben való növekedésre hívjon Sziénai Szent Katalin példája és tanítása szerint; 2.- hogy elmélyítse és megvalósítsa az "apostolkodás misztikájá" nak fogalmát (II. János Pál pápa); 3.- hogy fáradozzék Európa lelki egységének újra-megteremtésén visszavezetve keresztény gyökereihez; 4.- hogy a béke és az igazság által elomozdítsa az emberek közti szolidaritást az egész világon; hogy értékelje a keresztény no méltóságát és felelosségét az Egyházban és a társadalomban.
-A Katerinátik Társulatának tagjává válhat az, aki "kérvénnyel" fordul (a fenti módon: Iscrizioni) a "Társulat Titkárságához" (tel.0039.0577- 247393). Csatlakozhatnak családok is, szerzetesközösségek, plébániák, nevelo vagy gondozó intézmények, csoportok, mozgalmak, társulatok, helyi testvérületek, nem katolikusok, vagy nem keresztények, amennyiben ezt kinyilvánítják a jelentkezési lapjukon.

Portugueis:
 -Reconhecimento da  Santa Sede: Decreto do Pontifício Conselho para os Leigos del 15.8.1992, n°1178/92/S–61/A–65a.
 -Estatuto (síntesi). A Associaçăo se propőe: “-1) de convidar todos os cristăos a um maior aprofundamento de sua própria vida espiritual e o crescimento no  amor de Cristo, da sua Igreja e do Papa, segundo o exemplo e os ensinamentos de Sta.Catarina de Sena; -2) de aprofundar para realizar o conceito de “mística  do  apostolado” (J.P.II); -3) de contribuir para a reconstruçăo da unidade espiritual da Europa para reconduzí-la ŕ suas raízes cristăs: promover uma maior solidariedade entre os homens para a justiça e a paz em todo o mundo; -4) de valorizar a dignidade e a responsabilidade da mulher cristă na Igreja e na  sociedade civil.”
 -Para aderir aos Caterinati é necessário enviar um “pedido” (através de fax, ou simile) a  “Secretaria da Associaçăo” (tel.0577-247393). Podem aderir também: famílias, comunidades religiosas, paróquias, institutos de educaçăo o assistęncia, grupos, movimentos, associaçőes, fraternidades locais, năo católicos e năo cristăos com a condiçăo de declarar-se  no pedido de inscriçăo.

 STATUTO
 (testo integrale; ed.Cantagalli 1993)

- Presentazione  
  
II 4 Ottobre 1970, il giorno nel quale S. Caterina da Siena veniva proclamata Dottore della Chiesa dal Papa Paolo VI, venne istituita, con decreto dell'Arcivescovo di Siena, che era allora Mons. Mario Ismaele Castellano O.P., l'Associazione Ecumenica dei Caterinati, come continuazione della Compagnia o Confraternita di S.Caterina esistente in Siena e con riferimento alla "famiglia spirituale" della Santa Senese, i cui membri, detti appunto "Caterinati", la veneravano come "mamma e maestra".
   L'Associazione ebbe un immediato sviluppo, specialmente in Italia e nel Belgio, e ad essa aderirono non solo devoti di S.Caterina di ogni ceto, ma anche comunitŕ religiose, confraternite, associazioni di laici.
   In data 23 Marzo 1991 il Consiglio Generale dei Caterinati deliberň di chiedere il riconoscimento dell'Associazione da parte della S. Sede e il 18 Giugno 1991 venne inoltrata una prima richiesta al "Pontificium Consilium prň Laicis" a firma di Mons. M. I. Castellano, Presidente Onorario. Successivamente, il 7 Settembre 1991, l'Arcivescovo di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino, Mons. Gaetano Bonicelli, e il Vescovo di Liegi (Belgio), Mons. Albert Houssiau, rinnovarono congiuntamente domanda di riconoscimento dell'Associazione da parte del "Pontificium Consilium prň Laicis". Contemporaneamente veniva presentata a detto Consiglio un'ampia documentazione dello sviluppo e dell'attivitŕ svolta dall'Associazione negli oltre vent'anni della sua esistenza, presso i suoi vari centri, tra i quali spiccano quello del Santuario-Casa di S. Caterina in Siena e quello della Cappella di S. Caterina, con annessa Casa di accoglienza, in Astenet (Belgio).
   Veniva pure presentato un nuovo Statuto dell'Associazione, elaborato dal Consiglio Generale e arricchito di spiritualitŕ e di slancio apostolico, seguendo i suggerimenti dei Caterinati della Polonia. Venivano anche accolte alcune modifiche proposte dal Pontificio Consiglio per i Laici, tra le quali in particolare il cambiamento dell'Associazione da "Ecumenica" in "Internazionale". Infatti, nella prassi invalsa dopo il Concilio Vaticano II, il termine "ecumenico" viene riservato agli enti o organismi, che hanno il fine specifico dei dialogo con i non cattolici, mentre l'Associazione dei Caterinati č ecumenica nel senso della universalitŕ e mira semplicemente all'unione dei cristiani sotto la guida del Papa, il "dolce Cristo in terra", seguendo l'esempio di S. Caterina.
Il decreto di riconoscimento dell'Associazione Internazionale dei Caterinati venne concesso il 15 agosto 1992, festa dell'Assunzione di Maria SS.ma, e porta la firma del Card. Eduardo Pironio, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici. Lo statuto approvato č stato autenticato in data 19 febbraio 1993.
   A questi due documenti viene unito nella presente pubblicazione quello del Patrocinio Spirituale dell'Ordine dei Frati Predicatori, concesso dal P. Maestro Generale il 23 Novembre 1970; esso conserva la sua piena validitŕ.
Siena, 3 marzo 1993.

                                                 Fr. MARIO I. CASTELLANO O.P.
                 Arcivescovo Emerito Presidente Onorario dei Caterinati

- Decreto
             Pontificium Consujum Pro-Laicis: 15.08.1992 n° 1178/ 92/S-61/
             A-65a
.
     Avendo ricevuto la domanda di riconoscimento canonico inoltrata dall'Associazione Internazionale dei Caterinatě (Movimento S.Caterina da Siena) e di approvazione dei suoi Statuti, con lettera del 18 Giugno 1981, da S.E. Mons. I.Castellano O.P., Arcivescovo Emerito di Siena e Presidente Onorario dei Caterinatě, in conformitŕ alla delibera del Consiglio Generale dei Caterinati del 23 Marzo 991:
      - tenendo presente i piů di 20 anni di vita di questa benemerita Associazione, riconosciuta con decreto dell'Arcivescovo di Siena del 4 Ottobre 1970, nel giorno stesso della proclamazione di S. Caterina a Dottore della Chiesa da S.S. Paolo VI di v.m.,
     
- tenendo conto che la domanda č stata presentata d'intesa con S.E. Mons. Gaetano Bonicelli, Arcivescovo metropolita di Siena, anche attuale Presidente dell'Associazione, e da S.E. Mons. Albert Houssiau, Vescovo di Liegi (Belgio), 
      - rilevato che la suddetta Associazione conta gruppi organizzati e assai numerosi in molte cittŕ e Paesi, aderendo anche diverse comunitŕ, associazioni e movimenti, 
      - considerata l'abbondante documentazione storica relativa ai frutti spirituali ed apostolici suscitati tra i fedeli associati che si ispirano all'esempio e alla dottrina di S. Caterina, 
      - apprezzati i fini statutari dell'Associazione che si propone di "invitare tutti i cristiani ad un maggiore approfondimento della loro vita spirituale e alla crescita nell'amore di Cristo, della Chiesa e del Papa, secondo l'esempio e gli insegnamenti di S. Caterina da Siena", e tra l'altro, di approfondire per realizzarlo il concetto di "mistica dell'apostolato", come lo ha chiamato il Santo Padre Giovanni Paolo II (Lettera Apostolica del 29.04.1980), contribuire alla ricostruzione dell'unitŕ dell'Europa dalla rivitalizzazione delle sue radici cristiane, promuovere una maggiore solidarietŕ fra gli uomini per la giustizia e la pace di tutto il mondo e valorizzare la dignitŕ e la responsabilitŕ della donna cristiana nella Chiesa e nella societŕ civile, quale l'ha presentato il Papa Giovanni Paolo II nella Lettera Apostolica "Mu-lieris Dignitatem", che ha indicato come modello S. Caterina da Siena,
 
      - accettate, con lettere del 2 Ottobre 1991 e 12 Giugno 1992, le modifiche statutarie indicate da questo Dicatero,
             II Pontificio Consiglio per i Laici DECRETA
     - il riconoscimento canonico dell'Associazione Internazionale dei Caterinati come associazione internazionale privata di fedeli, con diritto pontificio, secondo i canoni da 298 a 311 e da 321 a 329 del Titolo V (Libro 11°, Parte I) del Codice di Diritto Canonico vigente,
     - e l'approvazione degli Statuti presentati con l'incorporazione delle modifiche indicate, il cui testo originale rimane in Archivio del Dicastero e una copia dovutamente autenticata sarŕ data all'Associazione.
                                    f.to PAUL I. CORDES - Vice Presidente
                                    f.to EDUARDO Card. PIRONIO - Presidente

Dato in Vaticano, il 15 Agosto 1992, Festivitŕ dell'Assunzione della B.V. Maria.

- Statuto dell'Associazione Internazionale dei Caterinati                         (Movimento di S. Caterina da Siena)

A) Fini dell'attivitŕ dell'Associazione:
1) L'Associazione Intemazionale dei Caterinati č costituita dal libero aggregarsi di fedeli cattolici, seguaci di santa Caterina da Siena, Dottore della Chiesa, e si propone i seguenti fini:
   a) Invitare tutti i cristiani ad un maggiore approfondimento della loro vita spirituale e alla crescita nell'amore di Cristo, della Chiesa e del Papa, secondo l'esempio e gli insegnamenti di S. Caterina da Siena.
   b) Propagare la ricchezza della mistica cattolica, la sola che puň dare piena risposta alle aspirazioni religiose dell'uomo.
   c) Approfondire per realizzarlo il concetto di "mistica dell'apostolato", come lo ha chiamato il Santo Padre Giovanni Paolo II (Lettera Apostolica del 29.04.1980), perché diventi una reale testimonianza di profonda unione con Dio, che si manifesta nell'ambito della propria attivitŕ.
   d) Contribuire alla ricostruzione dell'unitŕ spirituale dell'Europa per  riportarla alle sue radici cristiane: promuovere una maggiore solidarietŕ fra gli uomini per la pace di tutto il mondo.
   e) Valorizzare il ruolo della donna cristiana nella Chiesa e nella societŕ civile, quale l'ha presentato il Papa Giovanni Paolo II nella Lettera
Apostolica "Mulieris Dignitatem", che ha indicato come modello S.Caterina da Siena.
2) L'Associazione Internazionale dei Caterinati promuove, pertanto, le seguenti attivitŕ:
            Attivitŕ intellettuali:
   a) Favorire le edizioni critiche e divulgative delle opere di S. Caterina da Siena (Dialogo, Epistolario, Orazioni) o di parte di esse, nella lingua propria di ciascuna nazione.
   b) Diffondere biografie di S. Caterina da Siena, e pubblicazioni o audiovisivi sulla sua dottrina, il suo apostolato, il suo influsso sulla vita della Chiesa, il Papato, la vita consacrata, l'apostolato dei laici, la teologia spirituale, la mistica, la dottrina politica, la condizione della donna.
   c) Organizzare convegni, incontri, conferenze, mostre d'arte o documentarie, per interessare specialmente le Universitŕ, gli ambienti culturali, gli intellettuali, i giovani alla figura di S. Caterina e all'attualitŕ del suo apostolato e della sua dottrina.
   d) Partecipare ad iniziative di studio dei problemi della pace del proprio Paese, dell'Europa e del mondo, con particolare attenzione alla riunione dei cristiani nell'unico ovile di Cristo e all'evangelizzazione dei non cristiani.
   e) Promuovere la diffusione dell'Associazione e pubblicare in ogni Nazione un bollettino di formazione e informazione per i Caterinati e per quanti sono interessati ai fini dell'Associazione.
           Attivitŕ religiose:
   a) Organizzare riunioni di preghiera liturgica o paraliturgica, ritiri spirituali, momenti di riflessione, di argomento cateriněano.
   b) Indire pellegrinaggi e visite a Santuari Mariani o Cateriniani.
   c) Far celebrare SS. Messe per la Chiesa, per il Papa, per l'unione dei cristiani, per l'Europa, per la pace del mondo, per i Caterinati vivi e defunti.
   d) Recitare ogni giorno la preghiera "Caterina Santa" (riportata in appendice, a pag. 14) per sentirsi in piů stretta unione spirituale con tutti gli associati.
           Attivitŕ caritative:
   a) Esercitare individualmente o in gruppo la caritŕ verso i poveri, gli infermi, gli handicappati, i vecchi, i carcerati, secondo l'esempio di S.Caterina.
   b) Partecipare con la preghiera e con l'offerta alla giornata annuale per la caritŕ del Papa.
   c) Impegnarsi in iniziative di aiuto alle comunitŕ cristiane dell'Europa tornate alla libertŕ e alla democrazia.
   d) Unirsi alle attivitŕ ecclesiali di assistenza e di promozione umana, all'interno del proprio Paese e nel Terzo Mondo.

B) Membri dell'Associazione. Loro diritti e doveri:
3) Visto lo statuto, possono fare domanda di adesione alla Associazione dei Caterinati e ne divengono membri:
   a) I fedeli cattolici, uomini e donne, appartenenti allo stato laicale o clericale o religioso.
   b) Le Congregazioni religiose, le Confraternite laicali, le Comunitŕ, i Collegi, gli Istituti, le Associazioni cattoliche o di cattolici.
4) I membri dell'Associazione, oltre all'impegno di un'autentica vita cristiana, assumono i seguenti
obblighi:
   a) Attuare i fini indicati nello Statuto, nelle concrete circostanze della propria vita.
   b) Collaborare alle attivitŕ dell'Associazione, seguendo in particolare i programmi stabiliti nel proprio gruppo e nella propria Nazione.
   c) Contribuire alle spese dell'attivitŕ dell'Associazione nell'ambito del proprio gruppo o della propria Nazione.
   d) Recitare ogni giorno la preghiera del Caterinato (riportata in appendice).
5) I membri dell'Associazione hanno i seguenti
diritti
:
   a) Godono del patrocinio spirituale dell'Ordine dei Frati Predicatori, concesso dal P. Aniceto Fernandez, O. P., Maestro Generale, con lettera del 23 novembre 1970, Pr. N. 701124:M4.
   b) Partecipano dei benefici spirituali dell'antica Compagnia di S.Caterina da Siena, dalla quale deriva l'Associazione Internazionale dei Caterinati.
   c) Hanno il loro nome scritto nel grande libro, che si conserva nella cella di S Caterina in Siena e sono cosě affidati alla sua speciale protezione, come membri della sua famiglia spirituale.
   d) Godono in vita e dopo la morte, del frutto di SS.Messe, che si celebrano nel Santuario-Casa di S. Caterina in Siena, e altrove a iniziativa dei Caterinatě.
6) Possono fare domanda di adesione all'Associazione e divenirne aggregati anche cristiani di altre confessioni o comunitŕ cristiane. Possono pure fare domanda di adesione all'Associazione e divernirne amici i non cristiani. Gli aggregati e gli amici collaborano al raggiungimento dei fini e alle attivitŕ dell'Associazione secondo le loro possibilitŕ.
7) Per particolari benemerenze acquisite nella diffusione della conoscenza di S.Caterina e della sua dottrina o nel perseguire i fini dell'Associazione, la Giunta Esecutiva puň conferire il diploma di Caterinato d'onore a personalitŕ ecclesiastiche o civili, come pure a uomini illustri nel campo della politica, della cultura o dell'arte.

C) Autoritŕ che presiedono l'Associazione:
     Sede centrale
8) L'Arcivescovo pro-tempore di Siena, ove l'Associazione ha la sua sede centrale nel Santuario-Casa di S. Caterina, esercita su di essa la vigilanza a norma del can. 305 par.1, ne coordina l'attivitŕ con le altre opere di apostolato. Gli viene, pertanto, riconosciuto il titolo e le unzioni di Presidente dell'Associazione.
9) L'Associazione č diretta da un Priore Cenerale, un Caterinato laico, residente a Siena, e letto dal Consiglio Generale. Egli dura in carica tre anni ed č rinnovabile. Presiede il Consiglio Generale e la Giunta Esecutiva e rappresenta legalmente l'Associazione.
10) Assistente Ecclesiastico dell'Associazione č il Rettore pro-tempore del Santuario-Casa di S.Caterina, in Siena.
11) II Consiglio Generale č composto da almeno 11 membri eletti tra i Caterinati residenti a Sienŕ, da rappresentanti i gruppi dei Caterinati
d'Italia, da rappresentanti le Nazioni ove esistono Caterinati, dal Priore dei PP. Domenicani di Siena e dalla Priora del Terz'Ordine Domenicano
oure di Siena. Il Consiglio Generale č presieduto dal Priore Generale e assistito dal Rettore pro-tempore del Santuario-Casa S. Caterina. Esso dura in carica tre anni e si riunisce almeno una volta all'anno.
12) La Giunta Esecutiva č costituita dal Priore Generale, che la presiede, dall'Assistente Ecclesiastico, dal Priorere dei PP. Domenicani di Siena, da due membri rappresentanti i gruppi dei Caterinati d'Italia, e da alcuni Caterinati residenti a Siena eletti dal Consiglio Generale. Tra questi
vengono distribuite le cariche sociali, necessarie alla funzionalitŕ della 'Associazione. La Giunta Esecutiva esegue i deliberati del Consiglio Generale, dirige l'attivitŕ ordinaria dell'Associazione, e si riunisce di regola una volta al mese.
13) II Gruppo dei Caterinati residenti a Siena č diretto da un Delegato del Priore Generale; ha il suo Consiglio; svolge la sua attivitŕ assistito dal
Rettore del Santuario-Casa di S.Caterina.
     Sedi nazionali
14) Il Vescovo della Diocesi, ove i Caterinati hanno la loro sede nazionale, esercita su di essi la vigilanza prevista dal can. 305 pgf. 1; nomina
l'Assistente Ecclesiastico Nazionale d'intesa con i Confratelli della Conferenza Episcopale.
15) II Priore Nazionale dei Caterinati č eletto dal Consiglio Nazionale e dura in carica tre anni. Egli dirige l'Associazione nella Nazione seguendo un regolamento di applicazione dello Statuto corrispondente alla mentalitŕ e alle condizioni di vita del suo Paese, ed č coadiuvato da un segretario e da un tesoriere.
16) Nelle Nazioni nelle quali non č ancora organizzata l'Associazione, viene costituito un Comitato promotore assistito da un Sacerdote, nominato dal Vescovo del luogo.
     Gruppi locali
17) I Caterinati, riuniti in gruppi locali, sia in Italia che in altre Nazioni, eleggono ogni tre anni il proprio Consiglio, il proprio Presidente ed hanno un Assistente Ecclesiastico nominato dal Vescovo Diocesano.
     Norma finale
18) Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme del Codice di Diritto Canonico.

                   Preghiera a S.Caterina da Siena

     O Caterina Santa, alle tue parole non resistevano i cuori dei peccatori, e neppure il Ciclo alla tua fede ardente e alle tue insistenti preghiere.
     Come allora, anche oggi facci sentire il potere della tua intercessione, per confermare la pace tra gli uomini, liberare gli oppressi dalle ingiustizie o avversitŕ di ogni genere, confortare e sanare i malati del corpo e dell'anima.
     Prega per l'unitŕ e la fedeltŕ del popolo di Dio al "dolce Cristo in terra", per il bene della Patria nostra e dell'intera Europa, e per la pace di tutto il mondo.
     E ricordati dei Caterinati, che ti invocano con fiducia, sapendo che non abbandoni nelle difficoltŕ coloro che ti considerano loro Maestra spirituale.
     Amen.
N.B. La presente preghiera puň essere sostituita con una orazione di S.Caterina, ad esempio quella allo Spirito Santo (Orazione XXV).

- Patrocinio spirituale dell'Ordine dei Frati Predicatori, concesso dal Maestro Generale Fr.Aniceto Fernandez , Maestro Generale dei frati predicatori, a S.E.Mario J.Castellano O.P., Arcivescovo di Siena,  e alla Associazione Ecumenica Caterinati.

     Una «santa e dolce congregazione avete fatta nel dolce nome» di Caterina da Siena (lett. 184, ed. Meattini, III, 480) nell'anno della sua proclamazione a Dottore della Chiesa universale; e questa "congregazione" per il titolo adottato, per lo scopo scelto, per il luogo di istituzione, prelude a un luminoso avvenire.
     La Chiesa pertanto loda i fedeli che aderiscono ad associazioni ordinate alla perfezione della vita cristiana, alla pratica di opere pie, in favore del culto divino (C.J.C., 684-685); e con pari motivo l'Ordine dei Frati Predicatori valuta e appoggia il vostro sodalizio (C.J.C., 707, I), che venera come Patrona la figlia maggiore di San Domenico e la sorella maggiore del suo Ordine, del quale č da considerarsi una seconda mamma e quasi una seconda fonditrice. Perciň ogni frate domenicano puň sentirsi un Caterinato per vocazione e confratello di chi desidera studiare e imitare la santa di Siena, diffonderne il culto e la dottrina.
     La sede della vostra Associazione, presso il Santuario-Casa della mantellata domenicana, unisce in uno stesso focolare domestico i Caterinati di oggi con la "famiglia" spirituale cui Caterina presiedeva come "Mamma e Maestra". E dalle varie caiegorie dei suoi antenati, serie numerosa e idealmente mai interrotta, l'Associazione attuale trova la prima ragione della sua qualifica di ecumenica. Infatti l'insegnamento orale e scritto della Maestra era rivolto "a fedéli cristiani in quasi tutto il mondo, diversi di professione e di condizione" (B.Raimondo da Capua, Vita di S.C., prol. 1).
     In secondo luogo, la nascita dell'Associazione che coincide con l'anno della dichiarazione di Caterina a Dottore della Chiesa, č senza dubbio di valore ecumenico. Al riconoscimento della dottrina, sanzionato da Paolo VI, fanno eco le parole di Pio II nel discorso per la canonizzazione, che fu il riconoscimento della santitŕ: "Parlano di Caterina non solo i Senesi suoi concittadini, o i Romani presso i quali morě; ma i Fiorentini, i Pisani, i Lucchesi, i Genovesi, e gli stessi Avignonesi d'oltre Alpi. I Veneziani pure le rendono testimonianza. Inoltre la fragranza della sua santitŕ si č estesa ai Tedeschi e agli Ungheresi" (M. H. Laurent, // Processo Castellano, Milano 1942, 520). In proposito rimane a tutti grato il ricordo della cerimonia nella Basilica Vaticana, dove il 4 ottobre 1970 convennero pellegrini dai cinque continenti per acclamare al nuovo Dottore della Chiesa.
     Infine lo scopo di promuovere l'unione dei cristiani imprime alla Associazione la caratteristica speciale e moderna di ecumenica. Scriveva Caterina: "Vi prego e costringo che ne preghiate la prima Veritŕ per me, ch'io riceva lume perfetto a cognoscere e vedere le pecorelle mie, le perdute e le acquistate; sicché io me le ponga su la spalla, e ritorni all'ovile con esse" (lett. 124, ed. cit, III, 505}.
     Č doveroso quindi che tutti i figli di San Domenico guardino alla nuova Associazione come a un'ereditŕ di famiglia per la cittŕ di Siena e per il loro Ordine, che annovera molti suoi membri tra i primi Caterinati, e sopra tutti il B. Raimondo da Capua loro maestro generale, confessore e biografo della santa.
     Perciň a richiesta dell'Ecc.mo primo Presidente Mario J. Castellano, con la presente Lettera e per autoritŕ del nostro Ufficio, dopo il voto favorevole del nostro Consiglio Generalizio, concediamo all'Associazione Ecumenica dei Caterinati eretta a Siena presso il Santuario Casa di Santa Caterina, il patrocinio spirituale dell'Ordine dei Frati Predicatori. E benediciamo nel nome di San Domenico la nuova Associazione, che a Siena continua la tradizione dell'antica "Compagnia o Confraternita di Santa Caterina", istituita ora per onorare il suo Dottorato, come a Roma dopo la sua canonizzazione sorse l'omonima "Arciconfraternita" approvata dai papi Gregario XIII e Clemente XII (Bullarium Romanum, ed. Taurin., VIII, 328; XXIV, 198).
     A Lei, Ecc.mo primo Presidente e nostro confratello nel S.P. Domenico, e a quanti daranno il nome a tale Associazione, noi bene auguriamo applicando all'intercessione di Caterina le parole di ampia garanzia che la santa stessa rivolgeva al Priore e Fratelli della Compagnia detta Vergine Maria in Siena: "Ella non č ingrata a chi la serve; anco, č grata e cognoscente. Adunque servitela con tutto il cuore e con tutto l'affetto, perocché ella č madre dolcissima vostra".
Roma, S.Sabina, 23 novembre 1970
                                                     fr. ANICETO FERNANDEZ, O. P.
                                                   Maestro Generale dei Frati Predicatori
Pr. N. 701124/M4
fr. Petrus Masson, O. P.
a secretěs

 

                  INTRODUZIONE ALL'ASSOCIAZIONE DEI CATERINATI

     L’Associazione internazionale nasce nel 1970, con la dichiarazione di S. Caterina a Dottore della Chiesa. Con quest'atto si vuole riconoscere ufficialmente tutta l’opera svolta dall’antica Confraternita di S. Caterina, per la diffusione del pensiero e dell'opera di S. Caterina. Sin dalla morte della Santa alcuni tra i piů influenti dei suoi discepoli avevano voluto raccoglierne l’ereditŕ per non disperdere ciň che la stessa aveva lasciato, perpetuandone cosě il ricordo nella storia. In tal modo l’opera, prima della Confraternita, poi dell’Associazione si č sviluppata in tutti gli ambiti in cui S. Caterina aveva operato; a livello culturale, nel corso della storia, sono nate delle Istituzioni con l’intento di curare l’aspetto intellettuale di tutte le opere che S. Caterina ci aveva lasciato.
I suoi scritti vengono cosě diffusi a piů livelli, anche con traduzioni per l’estero. A livello pratico, si potrebbe dire, per l’impegno degli associati o di persone che s'ispirano all’opera di S. Caterina, nascono benemerite istituzioni come ospedali, orfanotrofi, e altre. 
   Questo, potremmo dire, per quanto riguarda la storia; ma venendo ai giorni nostri vediamo i Caterinati impegnati sia a diffondere il pensiero della Santa con benemerite istituzioni culturali quali possono essere le Cattedre Cateriniane sorte in varie cittŕ, sia nell' impegno sociale, dove li troviamo intenti, individualmente o comunitariamente, a sostenere istituzioni benefiche di educazione e di assistenza. 
   Abbiamo cosě visto, in breve, quanto l’Associazione faccia per diffondere l’opera di S. Caterina nel mondo intero. Tutte questo č stato svolto anche nel grande "Giubileo del 2000", che ha posto al centro del suo messaggio la riconciliazione sia tra gli uomini che tra le nazioni. Un altro impegno che i Caterinati si assumono č pure quello, mediante la diffusione del pensiero di S. Caterina, di lavorare a diversi livelli perché si possa giungere ad una vera pace, tenuto conto che l’opera di pacificazione č stata una delle sue preoccupazioni primarie.
   Se qualcuno leggendo queste poche righe desiderasse entrare a far parte di questa grande famiglia, puň rivolgersi alla: Dott.sa Franca Piccini Falorni (tel.0577.48433, e-mail: falorni56@aliceposta.it
)